dal Vescovo

Notizie dalla Curia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Con decorrenza 1 settembre, il Vescovo, S.E. Mons. Luigi Testore, ha proceduto alle seguenti nomine:
– su presentazione del Superiore provinciale, ha nominato parroco della parrocchia “Sacro Cuore” (Santa Chiara) in Canelli (AT) padre Silvano Fracasso degli Oblati di San Giuseppe, in sostituzione di padre Giuseppino Demarcus trasferito ad altra comunità religiosa;
– su presentazione dell’Ispettore dei Salesiani di Piemonte e Valle d’Aosta, ha nominato collaboratore della parrocchia “S. Silvestro” in Mornese (AL) il nuovo cappellano della comunità delle Figlie di Maria Ausiliatrice in Mornese, don Giovanni Rigo. Quest’ultimo sostituisce don Thomas Mylaparampil trasferito ad altra comunità religiosa.

Nuovo collegio Assistenti per l’Azione Cattolica Diocesana

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

In occasione dell’Assemblea Diocesana, il 1 agosto 2020, il Vescovo di Acqui Mons. Luigi Testore, ha reso nota la nuova formazione del collegio assistenti dell’AC con l’inserimento del nuovo Assistente ACR, don Flaviano Timperi.

Per bocca del presidente diocesano Flavio Gotta “tutta l’associazione ringrazia la Chiesa locale per l’opportunità di un accompagnamento fraterno e costante al cammino che a nostra volta, cerchiamo di rendile fertile con tutte le energie che abbiamo, poche o tante che esse siano. Il cammino del Popolo di Dio ci vede coinvolti con tutti noi stessi/e per il fine apostolico della Chiesa. Essere insieme, laici, laiche e clero, nella diversità dei carismi ma coscienti della medesima corresponsabilità, è un valore aggiunto che ci permette di affrontare con speranza viva questo nostro tempo”.

Prima delle nuove nomine, un ricordo riconoscente e affettuoso a don Franco Cresto che a inizio di luglio ha terminato il suo viaggio su questa terra per congiungersi al Padre. Assistente diocesano per oltre 40 anni dell’Azione Cattolica è stato instancabile pungolo alla responsabilità laicale, dolce conforto per il percorso di moltissimi battezzati impegnati, sentinella vigile e focosa del rapporto clero-laici.

NUOVO COLLEGIO ASSISTENTI AC della Diocesi di Acqui

Assistente Generale: don Giovanni PAVIN (Parroco di “S. Maurizio martire” Terzo (AL) – Presidente commissione per l’ecumenismo – Responsabile per la pastorale dei migranti – Assistente unitario regionale AC)

Assistente Adulti: don PAOLO PARODI (Vicario Generale – Collaboratore della Comunità Pastorale Mons. Marello – Coordinatore Uffici pastorali – Direttore Ufficio per la scuola – Direttore Ufficio Catechistico – Incaricato del Centro di formazione del Diaconato permanente – Vicario giudiziale Tribunale Ecclesiastico Diocesano)

Assistente Giovani: don CLAUDIO MONTANARO (Parroco della “comunità Pastorale Regina dei martiri” Incisa, Bruno, Castelnuovo Belbo, Bergamasco – Rettore Chiesa “S.Giovanni Battista Santuario Virgo Fidelis”)

Assistente ACR: don FLAVIANO TIMPERI (Parroco di “San Giovanni Battista” Alice Bel Colle (AL) – di “Santi Simone e Giuda” Ricaldone (AL) – di “San Giovanni Battista” Maranzana (AT) – Delegato zona alessandrina – Esorcista diocesano – Direttore dell’Ufficio diocesano per la pastorale delle famiglie, anziani e pensionati – Membro del Consiglio presbiterale diocesano e della Commissione presbiterale piemontese)

Il presidente diocesano rivolge “un sentito ringraziamento ai presbiteri che hanno accettato l’incarico di assistente diocesano, che si fanno stretti compagni di un cammino pur tra i mille impegni che costellano la vita di chi ha responsabilità ecclesiali. L’essere fratelli uniti nella proposta associativa è per noi occasione di rendere grazie a Dio il cui giogo ci ha promesso essere leggero: vogliamo portarlo insieme, desideriamo sperimentare che la Buona Notizia non è teoria ma una realtà che si può attuare per tutti qui ed ora, in attesa di un Regno che è già qui ma non ancora in modo completo”

All’Assemblea eletti i 20 nuovi consiglieri diocesani dell’Azione Cattolica

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Sabato 1 Agosto, ad Acqui Terme in Duomo l’Azione Cattolica ha celebrato la sua XVII Assemblea diocesana elettiva, espressione delle 17 realtà territoriali in cui l’Azione Cattolica è presente in Diocesi, è stata partecipata e densa di contenuti. Si è consumato anche l’atto democratico della votazione per eleggere il nuovo Consiglio Diocesano che avrà il compito di elaborare e attuare le indicazioni espresse nel documento frutto del cammino di quest’ultimo anno associativo.

Il presidente Flavio Gotta, alla scadenza dei suoi due mandati -da Statuto non più rinnovabile- ha fatto una riflessione partendo da quanto il lockdown ci ha spalancato, riscoprendo le 3 caratteristiche che ogni battezzato è chiamato a vivere come Gesù, essere re, sacerdoti e profeti.

Siamo RE nel servizio ai fratelli, come lo è stato Gesù che ha lavato i piedi ai suoi discepoli, siamo tutti SACERDOTI (preti e laici) invitati a un rapporto diretto con il Padre, chiamati a essere mediatori tra Dio e il Popolo, siamo tutti PROFETI, cioè potenzialmente capaci di guardare sotto la luce della Parola di Dio, i tempi attuali per scovarne le ombre e le potenzialità, con quell’acume profetico di chi individua gli elementi fondamentali, traccia strade di bene comune e invita ad abbandonare quelle che portano alla rovina i popoli.

Poi sono state illustrate le iniziative che l’AC si propone di fare nei prossimi anni, la consegna dei mandati ai presidenti parrocchiali e l’annuncio del Vescovo del nuovo collegio Assistenti dell’Azione Cattolica Diocesana. Poi gruppi di discussione, condivisione in plenaria, l’aggiornamento sul progetto Non di solo Pane… ma anche (in collaborazione con Caritas, Migrantes, Crescereinsieme e Maramo), l’attenzione alla carità col Fondo San Guido, la scuola d’italiano per donne straniere, Garbaoli, la collaborazione con l’Associazione Amici dell’Università cattolica, con Memoria Viva e l’attenzione alla vita politica.

 

Il tutto accompagnati dalla presenza discreta e vigile del Vescovo Mons. Testore che ha ascoltato, ha dialogato con i presenti e nel suo intervento ci ha detto che se non ci fosse l’AC si dovrebbe inventare, “è importante che in un territorio e in una Chiesa affaticati da mille problemi ci sia il contributo attivo dei laici, che si organizzano, riflettono e concretamente aiutano il cammino come voi”. Il Vescovo si aspetta molto dall’AC, la speranza è di riuscire a portare i 5 pani e 2 pesci di cui disponiamo, perché è solo mettendo in comunione quanto si ha, rimanendo in relazione tra persone di buona volontà che i miracoli avvengono; non è certo restando immobili a pretendere da altri i miracoli (economici, tecnologici o soprannaturali) che la Parola indica la strada per il Regno.

 

I 20 eletti nel consiglio Diocesano di AC sono nella lista Adulti: Emilio Abbiate (Sezzadio-Comunità San Giovanni XXIII), Silvia Gotta (Nizza-Vaglio), Marco Peuto (Comunità Canelli, San Marzano, Moasca, Cassinasco), Silvia Re (Ovada), Claudio Foglino (Alice-Maranzana-Ricaldone); nella lista Giovani: Pietro Pastorino (Masone), Chiara Pastorino (Rivalta-Comunità San Giovanni XXIII), Giacomo Ferraro (Montaldo Bormida), Erika Giacobbe (Acqui), Pietro Oberti (Bergamasco-Comunità Regina dei Martiri); lista Acr: Carlo Tasca (Sezzadio-Comunità San Giovanni XXIII), Caterina Piana (Mombaruzzo), Giacomo Piana (Mombaruzzo), Rachele Ferraro (Montaldo), Pietro Allosia (Comunità Canelli, San Marzano, Moasca, Cassinasco); lista unitaria: Barbara Grillo (Ovada), Claudia Castrogiovanni (Acqui), Flavio Gotta (Comunità Canelli, San Marzano, Moasca, Cassinasco), Silvia Cocino (Bruno-Comunità Regina dei Martiri), Marco Marchelli (Nizza-Vaglio).

Fondo di Solidarietà San Guido per l’emergenza Covid-19

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

E’ costituito in Diocesi di Acqui un Fondo di solidarietà denominato Fondo San Guido, con la finalità di aiutare economicamente coloro che si trovano in necessità a causa dell’attuale emergenza Corona Virus e come meglio specificato in seguito.

Il Fondo è finanziato con € 430.000,00 provenienti dal contributo straordinario della Conferenza Episcopale Italiana per l’emergenza Corona Virus e potrà essere incrementato con contributi della Diocesi, di altri Enti Ecclesiastici, di Enti Pubblici e Privati, o di singoli individui.

Il Fondo ha lo scopo di aiutare, con contributi a fondo perduto, singoli o famiglie che nell’attuale situazione hanno perduto o dovuto sospendere l’attività lavorativa a causa dell’emergenza sanitaria e non dispongono di altri mezzi di sostentamento o dispongono di mezzi di sostentamento insufficienti. L’aiuto è per un tempo limitato, attualmente fissato in mesi tre.

Le persone interessate potranno rivolgersi ai rispettivi Parroci che li presenteranno ai referenti zonali del Fondo, i quali, tramite colloquio e richiesta di documentazione, verificheranno la congruità della domanda.

Il contributo verrà erogato attraverso la Parrocchia di residenza del richiedente.

Coloro che volessero contribuire all’incremento del fondo lo possono fare con bonifico sul conto corrente bancario intestato Diocesi di Acqui

IBAN IT21B0311147940000000000113

con la causale Fondo San Guido

 

In questi giorni don Michel ha salutato i parrocchiani di Tiglieto e Urbe alla presenza del Vescovo Mons. Testore

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

In questi giorni don Michel ha salutato i parrocchiani di Tiglieto e Urbe alla presenza del Vescovo Mons. Testore. Don Michel torna in Ruanda per assumere l’incarico di Vicario Giudiziale e di Responsabile dell’Apostolato dei laici e dei consacrati della sua Diocesi.
Il sacerdote ruandese lascia un ricordo di stima e di apprezzamento non solo tra i suoi parrocchiani, ma anche tra i sacerdoti della Diocesi e tra molti altri che ne hanno apprezzato le doti umane e spirituali.
A don Michel l’augurio di buon lavoro nel campo della sua nuova missione.