Area Riservata

Fondi diocesani 8 per Mille carità.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Alla Caritas diocesana sono stati erogati € 40.000,00 provenienti dai fondi diocesani 8 per mille carità. Questa somma è a disposizione di progetti caritativi a favore di famiglie o persone in stato di necessità e residenti in parrocchie prive di Caritas Parrocchiale strutturata. I parroci interessati possono presentare le richieste di aiuto al direttore della Caritas diocesana don Giovanni Falchero.

Intervento di conservazione e di valorizzazione del Palazzo Vescovile finanziato dai fondi diocesani CEI 8xMille per la Chiesa Cattolica.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

È in esecuzione, da parte del pittore Daniele Zenari, il ritratto del vescovo Piergiorgio Micchiardi, che concluderà gli spazi previsti nella prestigiosa sala settecentesca di rappresentanza.
L’intervento rientra nel progetto di conservazione e di valorizzazione del Palazzo Vescovile finanziato dai fondi diocesani CEI 8xMille per la Chiesa Cattolica.

Canelli /Fondi diocesani 8 per mille carità.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

L’ Associazione di volontariato sociale Canelli Solidale è espressione del desiderio, da parte delle parrocchie di Canelli, di aiutare le persone in disagio.
L’ associazione ha ricevuto un contributo di € 18.000,00 proveniente dai fondi diocesani 8 per mille carità per tre ambiti di attività:
– sostegno alimentare con distribuzione di generi alimentari e mensa di solidarietà;
– sostegno alimentare con distribuzione di generi alimentari e mensa di solidarietà;
– attivazione di forme di inserimento lavorativo (borse lavoro e tirocini).

III Domenica di Avvento – 15 dicembre 2019 (prof. Marco Forin)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

«Allora si apriranno gli occhi dei ciechi e si schiuderanno gli orecchi dei sordi». (Is 35,6).
Negli anni immediatamente successivi alla deportazione da Gerusalemme a
Babilonia (586 a.C. circa) il popolo di Israele attendeva la liberazione
dall’oppressore. Isaia nel capitolo 36 rincuora gli israeliti descrivendo tempi migliori, tempi in cui il Messia li avrebbe salvati dall’oppressione. I segni di questa salvezza – scrive – saranno eclatanti: i ciechi vedranno, i sordi udranno, lo zoppo salterà come un cervo e così via. Segni conoscibili, straordinari, che non lasceranno spazio ad alcun dubbio.
Nel vangelo di oggi, Giovanni Battista manda i suoi discepoli da Gesù a
domandargli se veramente egli fosse il Cristo atteso dalle scritture. Gesù non risponde direttamente alla domanda, bensì, come era tipico nel metodo educativo degli antichi, replica con una frase che ha lo scopo di stimolare la riflessione nei suoi interlocutori: Gesù invita i discepoli di Giovanni Battista ad aprire occhi e orecchi per riconoscere i segni che li circondano e riferire.
Dopo la partenza degli inviati di Giovanni, per tre volte Gesù sferza le folle con la domanda: «che cosa siete andati a vedere nel deserto?».
Gesù sta invitando i discepoli di Giovanni, le folle, noi, ad andare oltre le apparenze, ad allargare lo sguardo, a guardare diversamente ciò che prima avevano visto con occhi non pienamente consapevoli. Non tutti, pur vedendo quello stava accadendo, erano in grado di capire.
Questo episodio ci richiama alla mente la vocazione del profeta Isaia; il
mandato profetico che Dio gli affida si apre così: «Và e riferisci a questo
popolo: Ascoltate pure ma non comprenderete, osservate pure ma non
conoscerete» (Is 6,9).
Certo anche per il Battista non deve essere stato facile: egli, come ogni
israelita, attendeva quei segni messianici profetizzati da Isaia. Ma Gesù non è apparentemente Messia come Israele lo attendeva, non è il grande liberatore politico che tutti aspettavano. Tuttavia, come per il Battista, così noi oggi
siamo consolati da Gesù Maestro che indica la via da seguire: guardarsi
intorno con nuovi occhi per ammirare i prodigi; riconoscere i segni
messianici per imparare ad avere fiducia.

Per la preghiera e la riflessione
Quali sono i segni che mi circondano che possono condurmi a riconoscere
Gesù Messia?
Chiedo luce allo Spirito Santo affinché illumini i miei sensi, la mente e il
cuore per riconoscere e accogliere il Vangelo di Gesù.

Fondi diocesani 8 per mille Carità. Centro di Ascolto ONLUS di Acqui Terme.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Il Centro di Ascolto ONLUS di Acqui Terme, con sede in via Cassino 27 all’interno del complesso caritativo diocesano RICRE, ha ricevuto un contributo di € 20.000,00 proveniente dai fondi diocesani 8 per mille carità.
Il Centro di Ascolto assiste circa 200 famiglie appartenenti alle fasce più deboli della società.
Lo sportello di ascolto offre aiuti economici, alimentari, lavorativi cercando di aiutare molte famiglie che in questo tempo di crisi economica non riescono da sole ad affrontare la vita quotidiana.

Chi siamo

Valle Stura /Contributi diocesani 8 per mille. Carità.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La Caritas interparrocchiale della Valle Stura ha ricevuto un contributo dai fondi diocesani 8 per mille di 8.000,00 euro.
I volontari delle parrocchie della Valle li utilizzeranno per fare fronte alle sempre più numerose richieste di aiuto e sostegno economico da parte di persone e famiglie in difficoltà.
La Caritas che opera nei paesi valligiani si occupa di assistere una quarantina di nuclei familiari con 35 minori.
Vengono forniti generi alimentari, contributi economici per evitare morosità e sfratti, materiale scolastico, abiti.

Ovada/ Fondi diocesani 8 per mille. Carità

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

La Parrocchia N.S. Assunta di Ovada ha ricevuto un contributo derivante dai fondi diocesani 8 per mille-carita’.
L’erogazione servirà a sostenere l’attività dello Sportello Caritas a favore dei bisognosi delle Parrocchie dell’ovadese.
Tra le attività oggetto del contributo figurano il sostegno ai servizi essenziali di famiglie in difficoltà (bollette, visite mediche, affitti), acquisto di generi alimentari a integrazione di quelli già forniti dal Banco Alimentare, quote per minori in disagio sociale per il loro inserimento in attività formative, sostegno alla Mensa per i poveri presso la Chiesa di San Paolo.
Lo Sportello Caritas di Ovada, con sede in via Santa Teresa 3, è aperto il mercoledì ed il sabato dalle 9.30 alle 11.30. Più di venti volontari si prendono carico di una novantina di famiglie.

Cairo Montenotte/ Fondi diocesani 8 per Mille. Carità.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

In questi giorni alla Parrocchia San Lorenzo martire di Cairo Montenotte è stato erogato un contributo di € 22.000,00 proveniente dai fondi diocesani 8 per Mille carità.
Attraverso questo contributo il Centro di Ascolto della Caritas parrocchiale potrà continuare a svolgere la sua attività a sostegno di persone e famiglie in difficoltà della zona savonese della Diocesi.
Famiglie e singoli potranno usufruire del servizio di distribuzione di generi alimentari, vestiario e medicinali esclusi dal servizio sanitario nazionale.
Verranno finanziati contributi per spese di bollette gas, energia elettrica, affitti.
Si potranno avviare borse lavoro e tirocini formativi per disoccupati.