Le iniziative finanziate con i fondi diocesani dell’8 per mille nel corso dell’anno 2020 (periodo 1 giugno 2020 – 31 maggio 2021)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lo Stato Italiano distribuisce ogni anno a diversi soggetti, tra i quali la Chiesa Cattolica, in base alle scelte espresse dai contribuenti, una quota pari all’otto per mille del gettito IRPEF. Grazie a questa contribuzione che perviene alle Diocesi attraverso la Conferenza Episcopale Italiana, la nostra Diocesi ha potuto sostenere molte delle sue attività nell’ambito del culto, della pastorale e dell’attività caritativa.

Nello specifico per quanto riguarda l’attività di Culto e Pastorale, nel periodo che va dal 1 giugno 2020 al prossimo 31 maggio, grazie ai fondi 8 per mille si è potuto contribuire all’acquisto da parte di tutte le parrocchie della Diocesi della nuova edizione del Messale Romano (€ 5.500,00). Un contributo di € 154.000,00 è andato al finanziamento del Fondo Diocesano Massa Communis che ha lo scopo di sostenere, con contributi a fondo perduto, le Parrocchie, specie quelle formate da un esiguo numero di abitanti, che hanno difficoltà ad affrontare le spese di manutenzione dei loro edifici di culto. Sempre in questo ambito hanno ricevuto un contributo di € 10.000,00 ciascuna tre parrocchie della Diocesi impegnate in importanti lavori di restauro: Casaleggio Boiro restauro del Campanile, Orsara Bormida restauro del tetto della Parrocchiale, Ponzone San Michele restauro della casa canonica. Un contributo di € 105.000,00 è andato per opere di manutenzione e restauro di due importanti complessi monumentali: € 90.000,00 per il Palazzo Episcopale e € 15.000,00 per il Seminario Vescovile. Le attività degli Uffici centrali della Diocesi, a supporto della pastorale parrocchiale, comprendenti le spese per il personale, hanno ricevuto un contributo di € 136.677,29. La stampa e la distribuzione a tutte le Parrocchie dell’annuale lettera pastorale del Vescovo ha ricevuto un contributo di € 1.800,00. La formazione pastorale delle varie componenti della comunità cristiana è stata finanziata con € 42.500,00: € 14.000,00 per contribuire agli studi di specializzazione che alcuni sacerdoti della Diocesi stanno svolgendo presso Facoltà Teologiche, € 22.000 per contribuire con le altre Diocesi del Piemonte a sostenere la Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, il Corso in Morale Sociale di Torino e l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Alessandria, € 1.500,00 per la Formazione Teologica e Pastorale dei Diaconi permanenti e € 5.000,00 per la formazione dei sacerdoti attraverso incontri che quest’anno hanno riguardato in modo particolare il Sacramento dell’Eucaristia. All’attività di animazione missionaria della comunità diocesana sono andati € 3.000,00. La cultura religiosa è stata finanziata con € 60.000: € 30.000,00 per l’attività dell’Archivio Storico Diocesano ed € 30.000,00 per la Biblioteca Diocesana del Seminario mons. Capra. L’attività di culto e pastorale è stata quindi finanziata complessivamente con € 538.477,29.

Un secondo grande ambito di finanziamento ha riguardato le Opere di Carità: da parte della Diocesi attraverso il Vescovo € 55.000; a singole persone bisognose da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 40.000,00.

In favore di famiglie particolarmente disagiate: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 79.384,96, attraverso Caritas Cairo Montenotte € 13.000, attraverso Caritas Ovada € 12.000,00, attraverso Caritas Masone € 3.000,00 attraverso Caritas Nizza € 9.000,00.

In favore di categorie economicamente fragili (precari, disoccupati, giovani in cerca di lavoro): da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 20.000,00, attraverso Caritas Masone € 3.000,00, attraverso Caritas Nizza € 3.000,00.

In favore di anziani: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 50.000,00, attraverso Caritas Masone € 1.500,00;

In favore di persone senza fissa dimora: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 5.000,00, attraverso Caritas Masone € 1.500,00, attraverso Caritas Nizza € 1.000,00;

In favore di portatori di handicap: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 5.000,00;

Per la prevenzione della devianza adolescenziale e della prostituzione: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 2.000,00.

In favore di immigrati, rifugiati e richiedenti asilo: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 80.000,00, attraverso Caritas Cairo Montenotte € 7.000,00, attraverso Caritas Ovada € 8.000,00, attraverso Caritas Masone € 3.000,00, attraverso Caritas Nizza 2.000,00.

In favore di vittime di dipendenze patologiche: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 1.000,00.

In favore del clero anziano, malato: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 10.000,00.

In favore di opere missionarie caritative: da parte della Diocesi attraverso l’Ufficio Caritas € 25.000,00, attraverso Caritas Nizza € 5.000,00.

Opere caritative di altri Enti Ecclesiastici: € 20.000,00 al Centro di Ascolto Onlus di Acqui Terme; all’Associazione Canelli Solidale € 18.000,00; alla Fondazione di Religione Casa del Clero di Acqui Terme € 30.000,00.

L’attività caritativa è stata quindi finanziata complessivamente con € 512.384,96

 

Sempre nell’anno 2020, con uno specifico contributo di € 17.745,39 finalizzato all’installazione di impianti di sicurezza per edifici di culto e le loro dotazioni storico-artistiche, sono stati finanziati impianti di sicurezza per la parrocchia di San Francesco in Acqui Terme, la parrocchia Santa Margherita in Cassinelle, la Parrocchia Nostra Signora Assunta e Cristo Re in Masone e la Chiesa di San Rocco in Castelnuovo Bormida.

 

Un contributo di € 29.491,00 finalizzato al restauro di organi a canne di interesse storico-artistico, pari al 50% del preventivo di spesa, è stato assegnato alla Parrocchia Sant’Andrea di Mioglia per il restauro dell’organo esistente nella Chiesa Parrocchiale.

L’Archivio Storico Vescovile sac. Pompeo Ravera – sac. Angelo Siri e la Biblioteca del Seminario Vescovile mons. Capra, con uno specifico contributo concesso dalla CEI ai Poli Culturali Diocesani, hanno ricevuto un finanziamento di € 13.000,00 ciascuno che sarà utilizzato dall’Archivio per il restauro di documenti (registi Atti di Battesimo della Cattedrale), la catalogazione dei documenti (inserimento dati sulla piattaforma CEI degli archivi parrocchiali di Vaglio Serra, Moasca e San Marzano Oliveto) e le spese di funzionamento e da parte della Biblioteca per la catalogazione di volumi (Fondo Cappuccini Madonnina), l’acquisto di scaffali e spese di funzionamento.

 

Sempre grazie a contributi 8xmille riguardanti interventi su edifici di culto già esistenti che coprono il 70% della spesa, sono stati finanziati lavori di restauro del Campanile della Chiesa Parrocchiale di Casaleggio Boiro (€ 56.656,00), del tetto della Chiesa Parrocchiale di Orsara (€ 132.016,00), del tetto del Palazzo Vescovile (€ 83.084,00) e della Canonica della Parrocchia di san Michele in Ponzone (€ 99.935,00).

 

Per venire incontro alle difficoltà causate dall’emergenza sanitaria in corso la CEI ha concesso alla Diocesi un contributo straordinario di € 639.547,90 che è stato utilizzato, per la somma € 430.000,00, per istituire un fondo, denominato Fondo San Guido, che dal maggio 2020 ad oggi ha concesso contributi a fondo perduto a 351 famiglie residenti sul territorio diocesano e la restante somma di € 209.547,90 è andata ad aiutare le parrocchie che si sonno trovate in difficoltà finanziaria sempre a causa dell’emergenza Covid-19.