DOMENICA 24 MAGGIO 2020 ASCENSIONE DEL SIGNORE Celebrazione della Liturgia della Parola nella propria abitazione

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Alla luce di alcune richieste giunte nei giorni scorsi, inviamo ancora per qualche domenica questo sussidio, poiché, in questa fase di avvio delle celebrazioni con il popolo, alcune
famiglie e alcune persone anziane prudenzialmente non partecipano ancora alla liturgia nella loro comunità.

Oggi è la solennità dell’Ascensione del Signore, che conclude l’esperienza visibile del Cristo nel mondo e ci fa pregustare il traguardo ultraterreno a cui la nostra vita è
destinata.
Tuttavia l’invio dei discepoli per la missione di evangelizzazione ci rende
membri della comunità cristiana responsabili di seminare il vangelo con la parola e con le opere, in ogni tempo ed in ogni luogo.

Anche oggi la celebrazione che qui riportiamo richiede di essere preparata con i soliti
accorgimenti:
– Radunarsi tutti in una stanza adeguata, assumendo atteggiamenti e posture che
favoriscano la preghiera.
– Collocare, possibilmente su un tavolo, un crocifisso, una bibbia aperta, un cero
acceso.
– Permettere a tutti di avere sottocchio il testo della celebrazione.
– Una persona farà da guida (G) e gli altri (L) si dividono in antecedenza le varie
parti da leggere
– Iniziare con un momento di silenzio.

G. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.
T. Amen.
G. Il Signore ci custodisca uniti nel suo amore, ora e sempre.
T. Amen.

La liturgia si apre recitando tutti insieme:
T. Il Signore Gesù, re della gloria,
vincitore del peccato e della morte,
oggi è salito al cielo
tra il coro festoso degli angeli.Mediatore tra Dio e gli uomini,
giudice del mondo e Signore dell’universo,
non si è separato dalla nostra condizione umana,
ma ci ha preceduti nella dimora eterna,
per darci la serena fiducia
che dove è lui, capo e primogenito,
saremo anche noi, sue membra, uniti nella stessa gloria.
A lui la lode da tutta la Chiesa, nei secoli dei secoli.
Amen.

G. Perché la nostra gioia nel celebrare questa festa sia piena riconosciamo i nostri
peccati con pentimento sincero.
Un momento di silenzio per fare un esame di coscienza.
G. Signore, che asceso alla destra del Padre, ci fai dono del tuo Spirito, abbi pietà di noi.
T. Signore, pietà.
G. Cristo, che sostieni ogni cosa con la potenza della tua Parola, abbi pietà di noi.
T. Cristo, pietà.
G. Signore, re dell’universo e dominatore dei secoli, abbi pietà di noi.
T. Signore, pietà.
G. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla
vita eterna.
T. Amen.

G. Preghiamo.
Esulti di santa gioia la tua Chiesa, o Padre, per il mistero che celebra in questa liturgia di
lode, poiché nel tuo Figlio asceso al cielo la nostra umanità è innalzata accanto a te, e
noi, membra del suo corpo, viviamo nella speranza di raggiungere Cristo, nostro capo,
nella gloria. Egli vive e regna nei secoli dei secoli.
T. Amen.

LITURGIA DELLA PAROLA
Prima Lettura (At 1, 1-11)
L. Dagli Atti degli Apostoli
Nel primo racconto, o Teòfilo, ho trattato di tutto quello che Gesù fece e insegnò dagli
inizi fino al giorno in cui fu assunto in cielo, dopo aver dato disposizioni agli apostoli che
si era scelti per mezzo dello Spirito Santo.
Egli si mostrò a essi vivo, dopo la sua passione, con molte prove, durante quaranta giorni, apparendo loro e parlando delle cose riguardanti il regno di Dio. Mentre sitrovava a tavola con essi, ordinò loro di non allontanarsi da Gerusalemme, ma di
attendere l’adempimento della promessa del Padre, «quella – disse – che voi avete udito da me: Giovanni battezzò con acqua, voi invece, tra non molti giorni, sarete battezzati in Spirito Santo».
Quelli dunque che erano con lui gli domandavano: «Signore, è questo il tempo nel quale ricostituirai il regno per Israele?». Ma egli rispose: «Non spetta a voi conoscere tempi o
momenti che il Padre ha riservato al suo potere, ma riceverete la forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi, e di me sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la
Giudea e la Samarìa e fino ai confini della terra».
Detto questo, mentre lo guardavano, fu elevato in alto e una nube lo sottrasse ai loro occhi. Essi stavano fissando il cielo mentre egli se ne andava, quand’ecco due uomini in
bianche vesti si presentarono a loro e dissero: «Uomini di Galilea, perché state a guardare il cielo? Questo Gesù, che di mezzo a voi è stato assunto in cielo, verrà allo
stesso modo in cui l’avete visto andare in cielo».
Parola di Dio.
T. Rendiamo grazie a Dio.

Salmo Responsoriale (Dal Salmo 46)
L. Ascende il Signore tra canti di gioia.
T. Ascende il Signore tra canti di gioia.
Popoli tutti, battete le mani!
Acclamate Dio con grida di gioia,
perché terribile è il Signore, l’Altissimo,
grande re su tutta la terra. T.
Ascende Dio tra le acclamazioni,
il Signore al suono di tromba.
Cantate inni a Dio, cantate inni,
cantate inni al nostro re, cantate inni. T.
Perché Dio è re di tutta la terra,
cantate inni con arte.
Dio regna sulle genti,
Dio siede sul suo trono santo. T.

Seconda Lettura (Ef 1, 17-23)
L. Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesìni.
Fratelli, il Dio del Signore nostro Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di
sapienza e di rivelazione per una profonda conoscenza di lui; illumini gli occhi del vostro
cuore per farvi comprendere a quale speranza vi ha chiamati, quale tesoro di gloria racchiude la sua eredità fra i santi e qual è la straordinaria grandezza della sua potenza
verso di noi, che crediamo, secondo l’efficacia della sua forza e del suo vigore.Egli la manifestò in Cristo, quando lo risuscitò dai morti e lo fece sedere alla sua destra
nei cieli, al di sopra di ogni Principato e Potenza, al di sopra di ogni Forza e Dominazione
e di ogni nome che viene nominato non solo nel tempo presente ma anche in quello futuro. Tutto infatti egli ha messo sotto i suoi piedi e lo ha dato alla Chiesa come capo
su tutte le cose: essa è il corpo di lui, la pienezza di colui che è il perfetto compimento di
tutte le cose.
Parola di Dio.
T. Rendiamo grazie a Dio.

Vangelo (Mt 28, 16-20)
L. Dal vangelo secondo Matteo.
In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro
indicato.
Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A
me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i
popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando
loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».
Parola del Signore.
T. Lode a te, o Cristo.

COMMENTO A CURA DEL BIBLISTA MARCO FORIN.
«In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato».
(Mt 28,16).
Gesù risorto invita i suoi discepoli a raggiungerlo in Galilea. Costoro – qualcuno spinto da una
profonda fede, altri ancora increduli – si incamminano su quel sentiero di ritorno al luogo dove
tutto era cominciato e là incontrano il maestro. Questo gesto, a prima vista del tutto insignificante,
è in realtà molto simbolico: i discepoli sono chiamati da Gesù ad andare là dove tutto era
cominciato, dove il loro incontro con lui si era fatto reale e li aveva affascinati e coinvolti nel suo
progetto di predicazione. Anche l’indicazione del monte è significativa: il monte (in questo caso
viene da immaginare si trattasse del Tabor, il luogo della trasfigurazione) è sempre indice nella
bibbia di un luogo di rivelazione perché, simbolicamente elevato da terra, sembra avvicinare a
Dio. Dunque i discepoli vengono chiamati a tornare alle loro origini e mettersi in ascolto della
rivelazione che Dio Padre per mezzo del Figlio risorto vuole dare loro.
Anche il nostro cammino di fede ha bisogno, di tanto in tanto, di ritornare alle proprie origini per
riscoprirsi. Porsi la domanda “perché credo?” significa andare a scoprire le ragioni intime del
nostro essere cristiani. Questo cammino a ritroso si rende necessario soprattutto nei momenti il
cui la fede vacilla, proprio come fu necessario ai discepoli che dopo l’evento straordinario della
resurrezione dovettero ripartire dalle origini della loro vocazione, dal primo incontro con Gesù in
Galilea, per comprendere il senso di tutto ciò che era accaduto.
Gesù ordina loro di battezzare: questo comando risulta strettamente correlato alla ricerca delle
radici della fede. Il battesimo è il primo momento in cui l’uomo fa esperienza dell’incontro con Dio
che attraverso il segno efficace dell’acqua ci dona la salvezza. Il battesimo è incontro con Dio
nella sua pienezza trinitaria, anzi è il primo incontro con Dio, il momento che fonda
sacramentalmente l’esistenza cristiana. Il cammino di ricerca si arricchisce di un suggerimento:la scoperta delle radici della nostra fede passa necessariamente attraverso la riscoperta della
forza sacramentale del battesimo che abbiamo ricevuto. Se ci chiediamo in che cosa consiste
questa forza sacramentale, ancora una volta il Vangelo ci illumina: il Cristo è con noi, fino alla fine
dei tempi, perché temere?
Per la preghiera e la riflessione
Provo a recuperare la memoria dei momenti della mia vita in cui ho avuto esperienza
dell’incontro col Signore.

Ci si può scambiare qualche riflessione.

I bambini e i ragazzi possono fare un disegno che rappresenti il vangelo da loro ascoltato.

PREGHIERA UNIVERSALE.
G. Nella gioia di questo giorno santo in cui Gesù è salito al cielo, alla destra del Padre,
presentiamo le nostre preghiere per la nostra famiglia, per la chiesa e per il mondo.
Diciamo insieme:
T. Ravviva la nostra speranza, Signore.
Si possono utilizzare le preghiere qui riportate, oppure si può lasciare spazio a preghiere
spontanee che ciascuno espone liberamente.
L. Per la Chiesa, popolo santo di Dio: perché fra le vicende del mondo tenga fisso lo
sguardo sui beni eterni e mantenga uno spirito di vicinanza all’uomo e di distacco dalle
cose materiali. Preghiamo.
L. Per la società civile: perché ascolti il grido di speranza dei poveri di ogni luogo e
promuova la dignità di ogni persona. Preghiamo.
L. Per chi opera nel campo delle comunicazioni sociali: perché sia rivestito di saggezza,
umanità e verità. Preghiamo.
L. Per la nostra Italia, nella quale tornano ad avviarsi tante attività lavorative e ricreative:
perché la prudenza nel comportamento finalizzata alla salvaguardia comune della salute
si componga con una fiduciosa intraprendenza nelle attività. Preghiamo.
L. Per ciascuno di noi e per le nostre famiglie: ci siano dato uno sguardo di fede per
scorgere la presenza nuova di Cristo nella Parola, nei sacramenti e nei fratelli e così
sentirci sempre da lui accompagnati e riempiti di grazia. Preghiamo.
L. Per i bambini e i ragazzi che stanno concludendo un anno scolastico molto diverso dal
solito, perché apprezzino gli sforzi che insegnanti e genitori hanno messo in atto per il loro percorso di crescita e vedano in questo un segno dell’amore di Dio che non vienemeno, neanche nei momenti più difficili.
Preghiamo.
T. Padre nostro….G. Nella gioia del Cristo risorto, ci scambiamo un segno di pace.

G. Preghiamo insieme.
T. O Padre, che in Cristo ci hai creati e redenti, ascolta le nostre preghiere e aiutaci a
portare ogni giorno frutti di amore nella nostra famiglia e nel mondo. Per Cristo nostro
Signore. Amen.
Si conclude tutti insieme, tracciando ciascuno su di sé il segno della croce.
T. Dio ci benedica e ci accompagni ogni giorno,
lui che è Padre e Figlio e Spirito Santo. Amen.

A Maria diciamo insieme
la preghiera suggerita da Papa Francesco per il mese di Maggio.
O Maria,
Tu risplendi sempre nel nostro cammino
come segno di salvezza e di speranza.
Noi ci affidiamo a Te, Salute dei malati,
che presso la croce sei stata associata al dolore di Gesù,
mantenendo ferma la tua fede.
Tu sai di che cosa abbiamo bisogno
e siamo certi che provvederai
perché, come a Cana di Galilea,
possa tornare la gioia e la festa
dopo questo momento di prova.
Aiutaci, o Madre, a conformarci al volere del Padre
e a fare ciò che ci dirà Gesù,
che ha preso su di sé le nostre sofferenze
e si è caricato dei nostri dolori
per condurci, attraverso la croce,
alla gioia della risurrezione.
Amen.

A cura dell’Ufficio Liturgico Diocesano.