19 maggio – GIORNATA NAZIONALE 8xMILLE 2019

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

DOMENICA 19 MAGGIO

GIORNATA NAZIONALE 8XMILLE 2019

Come ogni anno, nel mese di maggio, si svolge la Giornata Nazionale 8xmille. Lo scopo è quello di sensibilizzare la comunità cristiana ad una  modalità attraverso la quale è possibile, con una semplice firma sul modulo CUD delle denuncia dei Redditi, contribuire a finanziare le innumerevoli iniziative pastorali, caritative, culturali della Chiesa Cattolica in Italia.
Fin dal 1984, anno del Concordato tra lo Stato Italiano e la Chiesa Cattolica, sono i fedeli ad avere la piena responsabilità del sostegno economico della Chiesa e dei suoi sacerdoti attraverso due fonti tra di loro complementari: l’8 per mille del gettito dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) e le offerte liberali per il sostentamento dei sacerdoti.

Nel 2018, grazie a fondi derivati dall’8 per mille e destinati ad interventi a favore di beni culturali ecclesiastici e dell’edilizia di culto, sono stati finanziati in Diocesi di Acqui il restauro e il risanamento conservativo dei prospetti della facciata e la copertura della Chiesa Parrocchiale di sant’Eugenio in Altare (SV) (contributo di € 175.901,00 pari al 70% della spesa preventivata) ed il rifacimento del tetto della Parrocchiale di San Leonardo in Canelli (contributo di € 314.036,00 pari al 70€ della spesa preventivata). Sempre nel 2018 è stata totalmente finanziata le messa in opera di impianti di allarme nelle Chiese Parrocchiali di Santa Giulia in Monastero Bormida, San Giorgio in San Giorgio Scarampi, Nostra Signora Assunta in Trisobbio e Sant’Ambrogio in Dego (contributo complessivo per i quattro interventi € 19.000,00). Inoltre sono state finanziate opere di riordino, catalogazione, acquisto scaffali e strumenti informatici dell’“Archivio Storico Diocesano don Pompeo Ravera e don Angelo Siri” e della “Biblioteca Diocesana del Seminario Vescovile mons. Capra” per un totale di € 26.000,00.

La realizzazione delle opere sopraindicate, così come quella di molte altre iniziative in ambito pastorale e caritativo, è stata resa possibile  grazie a tutti coloro (15 milioni di italiani) che, al momento della dichiarazione dei redditi, hanno inteso devolvere il loro 8 per mille alle iniziative della Chiesa Cattolica.